CASA PROTETTA il Comune di Firenze offre 1500,00 di contributo

CASA PROTETTA il Comune di Firenze offre 1500,00 di contributo CASA PROTETTA il Comune di Firenze offre 1500,00 di contributo

CASA PROTETTA

Casa protetta a fronte dei numerosi furti in abitazione, il Comune mette a disposizione dei contributi che possono arrivare fino a 1500,00 di spesa, possono accedere solo coloro che hanno un reddito non superiore a i 48.000,00 secondo l’ISEE

DOMANDA

La domanda di partecipazione all’avviso pubblico per la concessione del contributo deve essere presentata esclusivamente mediante l’apposito applicativo on-line messo a disposizione dei cittadini dal   Comune di Firenze; lo so dovrà fare tramite le  credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). Come ogni domanda ormai vedi

CHI PUÒ CONCORRERE ALL’ASSEGNAZIONE?

I cittadini residenti nel comune di Firenze che siano:
–  proprietari,  locatari (che possono affittare un’abitazione) , comodatari (con contratto di comodato), usufruttuari o diritto di abitazione (titolari di un diritto reale), con autorizzazione scritta del proprietario ( quindi anche gli affittuari) , di un bene immobile ( quindi casa o fondo) , ubicato nel Comune di Firenze;
b) dichiarazione ISEE fino a un massimo di Euro 48.000;
c) nucleo familiare residente con  almeno un figlio che, alla data del 31.12.2019, ha non più di 10 anni; oppure con un anziano che abbia compiuto almeno 70 anni entro il 31.12.2019 o un diversamente abile con invalidità accertata non inferiore del 75% . Oppure persone sole.

COSA SI PUÒ  REALIZZARE?

Ecco l’elenco per la “casa sicura” :
–  cancellate o recinzioni murarie degli edifici;
– grate sulle finestre o loro sostituzione;
–  porte blindate o rinforzate;
–  serrature, lucchetti, catenacci, spioncini;
–  rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;
–  saracinesche;
–  tapparelle metalliche con bloccaggi;
–  vetri antisfondamento;
– casseforti a muro;
– fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati;
– apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline.

COME SI DEVE PAGARE PER AVERE IL RIMBORSO?

Con il consueto bonifico, bancario o postale, (c.d. “bonifico parlante”) da cui risulti:
a) la causale del versamento;
b) il codice fiscale del  pagante che è colui che chiede la contribuzione;
c) il codice fiscale o  IVA del beneficiario: la ditta che ha realizzato l’intervento.

QUANDO FARE GLI INTERVENTI per la casa sicura?

Le opere indicate nel paragrafo precedente devo interessare gli  immobili, o porzioni di essi, adibiti a residenza del richiedente.
Il contributo viene erogato per attività compiute tra il 4 marzo  e il 30 giugno 2019.

STANZIAMENTO per il 50%

Lo stanziamento è solo per € 200.000. Il contributo coprirà il  50% delle spese ammissibili, comprensive di IVA,  fino a un massimo di € 1.500,00. Per cui se hai fatto opere entro le 3000,00 complessive potrai avere il 50% se superi il budget sempre 1500,00 avrai!
IL pagamento da parte del Comune avverrà con  bonifico sul conto corrente indicato dal cittadino.

DOCUMENTI DA ALLEGARE

a) la  fattura o ricevuta fiscale “parlante” per comprendere cosa hai realizzato
b) bonifico effettuato;
c)  fotografia dell’opera realizzata prima e dopo.

GRAZIE DI AVER LETTO L’ARTICOLO

Abbiamo realizzato questo scritto per i cittadini fiorentini!  Lo studio opera a Firenze dal 1994 se vuoi leggere di noi: vedi
Lo studio è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di tutela dei tuoi diritti.
Chiama adesso per risolvere il TUO problema insieme a noi  055353399 o via chat 3939182114

 

 

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

WhatsApp chat