CONSENSO INFORMATO

Consenso informato: è disciplinato dalla legge L. 219 del 2017  e ha come obiettivo “ il diritto alla vita, alla salute, alla dignità’e all’autodeterminazione della persona”  e stabilisce che, nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge.

COSA ho diritto di sapere

Art 1, comma 3 : hai il diritto di conoscere le tue condizioni di salute e di essere informatoriguardo alla diagnosi, alla prognosi, ai benefici e ai rischi degli accertamenti diagnostici e dei trattamenti sanitari indicati, nonché riguardo alle possibili alternative e alle conseguenze dell’eventuale rifiuto del trattamento sanitario e dell’accertamento diagnostico o della rinuncia ai medesimi”.

COME DEVE ESSERE l’INFORMAZIONE che ricevo

Sappi che hai il diritto di chiedere al medico e a qualunque operatore sanitario ogni informazione di  tuo interesse sulla tua salute.
Il comma 8 recita : ” Il tempo della comunicazione tra medico e paziente costituisce tempo di cura”
Significa che devi avere il tempo per fare domande,  in un luogo idoneo, cioè in situazione di assoluta privacy, fino a che i tuoi dubbi saranno completamente risolti. Puoi chiedere cos’è la tua malattia, il suo decorso, le opzioni di cura ecc. Le risposte che ti vengono date devono essere per te facilmente comprensibili,  quindi non potranno essere usate parole che non capisci e se non sono chiare chiedi ancora. Prima di firmare devi essere consapevole a cosa li autorizzazioni, anche se non sarà necessario sapere tutti i dettagli medici.

ESEMPI

Ad esempio, se devi fare un intervento devi sapere: se ci sono degli interventi alternativi; quanto e cosa rischi con ognuno; che tipo di complicanze ci possono essere e con quale frequenza; che tipo di esperienza ha il medico che ti opera rispetto all’intervento; se ci sono dei rischi di infezioni, ecc.

FORMA DEL CONSENSO INFORMATO

L’art 1 comma 4   il  consenso informato e’ documentato in forma scritta o attraverso videoregistrazioni o, per la persona con disabilita’, attraverso dispositivi che le consentano di comunicare.
Dopo che hai ricevuto ogni informazione che ti interessa puoi firmare; così facendo dichiari di essere stato informato e di autorizzare il trattamento che ti viene proposto.  Sappi che il medico  deve dimostrare di averti informato, se non può dimostrarlo ne risponde in sede penale e civile.  Se ti propongono di firmare  qualcosa che non ti viene spiegato, ma ti mettono davanti un  foglio  NON FIRMARE. Ecco un modulo tipo  vedi

PUOI LASCIAR DECIDERE UN FAMILIARE?

Se sei maggiorenne e capace di intendere e di volere spetta soltanto a te sapere della tua malattia e delle terapie; solo tu puoi dare il consenso. Puoi però decidere di non voler sapere niente: la legge ha stabilito che puoi scegliere un familiare che al posto tuo riceve l’informazione e dà il consenso. Sappi anche che nelle situazioni di emergenza o di urgenza il medico e i componenti dell’equipe sanitaria ti daranno le cure necessarie  per garantire la tua sopravvivenza; se non sarai in grado (ad esempio sei senza coscienza) di manifestare una volontà si rivolgeranno a un tuo familiare o anche a un tutor se l’hai nominato.

GRAZIE DI AVER LETTO L’ARTICOLO

Abbiamo realizzato questo scritto in occasione della settimana dedicata alla salute.
Lo studio è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di tutela dei tuoi diritti.
Chiama adesso per risolvere il TUO problema 055353399 o via chat  3939182114

 

WhatsApp chat