donazione immobile

La donazione di  immobile è un contratto con cui il donante si spoglia di un bene per cederlo ad altri. La donazione ha molte sfaccettature, qui ci occupiamo dell’ipotesi di attribuzione di un’abitazione. Questa è stata per lungo tempo una forma privilegiata, in quanto la tassazione sulle donazioni era vantaggiosa. Poi però le banche si rifiutavano di concedere mutui su compravendite case donate. Vediamo perché e che altre strade si può percorrere.

REVOCA DELLA DONAZIONE di un immobile

La donazione prevede che tu ti spogli del tuo patrimonio, o di parte di esso,  senza ricevere nulla in cambio. E’ la forma massima di liberalità. Il codice civile tratta nel dettaglio la donazione ed anche la possibilità di revocare ciò che è stato donato. L’art.800 CC   prevede la possibilità di ripensamento ad esempio per ingratitudine.  Significa che se tu che  hai ricevuto ha realizzato comportamenti gravi verso il donante puoi perdere la donazione di un immobile ricevuta.

Revoca per ingratitudine

L’art 801 indica i casi di INGRATITUDINE che riguardano: uccisione, tentanto omicidio del donante, del suo coniuge o del figlio, reato di calunnia. Oppure il caso d’ingiuria grave  come ad esempio: sevizie, offese gravi, comportamento oltraggiosi verso il donante. Anche averlo privato con l’inganno di parte del suo patrimonio o avergli rifiutato gli alimenti, cioè un’aiuto in caso di bisogno, ma le ipotesi possono ampliarsi,  la donazione di un immobile può essere revocata.

cosa accade se viene revocata la donazione di un  immobile

Accade che, se il bene è sempre nella disponibilità del beneficiario, questo deve renderlo. Ipotesi assai diversa se il bene è passato di mano, cioè è stato venduto ad altri. In una battuta si può dire che, chi ha ricevuto, se non può rendere il bene deve rendere il valore, ma intanto si apre un giudizio.  Davanti al Tribunale  si propone l’azione di revocazione della donazione che comporta il  coinvolgimento di tutti i soggetti, e indirettamente, anche gli istituti di credito che hanno erogato il mutuo per l’acquisto.  E le banche vogliono evitare accuratamente questa ipotesi per cui NON concedono mutui su immobili provenienti da donazioni

Che fare? come “aggirare” la donazione di immobile

Prima di tutto confrontarsi con un avvocato o con un notaio per verificare caso per caso quale possa essere la soluzione più idonea. Infatti le circostanze da analizzare sono molte:  se i figli siano più di uno, quanti sono gli immobile, se un diverso contratto conduca alla stessa tutela ecc.   Attualmente le ipotesi che trovano maggiore accoglimento sono le vendite anche tra genitori e figli, con promesse di pagamento future; ma questa è solo una delle molte possibilità.

GRAZIE DI AVER LETTO L’ARTICOLO

Abbiamo realizzato questo scritto per i problemi legati all’erogazione di mutui su donazione di immobile
Lo studio è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di successioni.
Può interessarti anche:
DISEREDARE UN FIGLIO
EREDITÀ: accetto o non accetto
Chiama adesso per prendere contatti e, se ti saremmo piaciuti, staremo al Tuo fianco per risolvere insieme il Tuo problema 055353399 o via chat 3939182114

WhatsApp chat