Eredità e unione civile

Eredità e unione civile tra persone dello stesso sesso: la materia è stata regolamenta con la legge Cirinnà   (L. 76/2016), entrata in vigore il 5 giugno 2016. In materia ereditaria si crede che ci sono delle differenze con le coppie sposate e quelle unite civilmente, ma non è così! Infatti le situazioni sono equiparate, quindi si applicano le stesse norme che regolano la materia delle successioni.  Mentre coloro che non ricevono tutela sono le semplici convivenze.

Cosa dice la legge

La Legge Cirinnà estende ai partner dell’unione civile la disciplina delle successioni.
Il comma 21, dell’unico articolo previsto nella legge, stabilisce che alle parti dell’unione civile si applicano gli articoli relativi alla disciplina della successione necessaria (artt. 536-564) e della successione legittima (artt. 565-586). Perciò la disciplina prevista per il coniuge superstite (moglie o marito) si applicata anche al partner dell’unione civile superstite.
Ognuna delle parti dell’unione civile rientra così nella categoria di eredi.
Se vuoi comprendere chi sono i soggetti coinvolti in una successione  trovi qui un approfondimento.

Il partner nella successione legittima

La successione legittima si ha quando, in mancanza di un testamento, l’eredità si devolve in base alle regole indicate nel codice civile.
In caso di unione civile, il partner superstite vanta il diritto sull’eredità del compagno/a che si suddivide in questo modo :
metà, se c’è un figlio
un terzo, se ci sono più figli
due terzi, se ci sono ascendenti, fratelli o sorelle
intera in mancanza di figli, genitori o fratelli e sorelle

Il partner nella successione necessaria

La successione necessaria, prevede che vengano necessariamente riservate delle quote del patrimonio del defunto ad alcuni familiari, anche in caso di testamento.
Anche in questo caso il partner dell’unione civile è parificato al coniuge e quindi gli sono riservati:
– i diritti sulla casa familiare e sull’uso del mobilio (cd diritto di abitazione vita natura durante o per la durata del godimento della casa familiare)
metà del patrimonio del defunto
un terzo, in presenza di un  figlio
un quarto, se i figli sono più di uno.

Il partner in caso di testamento

Se hai deciso che i tuoi beni vadano alla tua compagna puoi scriverlo nel testamento. Che può essere pubblico (fatto davanti a un notaio) o olografo (fatto da te). Puoi stabilire ciò che più ti aggrada, anche di devolvere tutto al tuo partner, anche in presenza di legittimari (cioè di soggetti che hanno diritto a ricevere una parte dei tuoi beni). Questi ultimi, per andare contro la volontà del defunto, dovranno impugnare il testamento e far valere davanti a un Giudice i loro diritti. Accade di frequente, specialmente se non si tratta di beni di grande valore e se i rapporti tra legittimari (figli del defunto, sorelle, fratelli e genitori) sono di rispetto reciproco che vengano rispettate le volontà del testatore e che quindi resti tutto all’erede designato dal defunto.

Grazie di aver letto l’approfondimento

Abbiamo realizzato questo scritto per riprendere alle molte domande legate alla sorte dell’eredità nell’unione civile
Lo studio legale Bearzotti è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di successioni, da come individuare le quote di legittima, a come trovare soluzioni trnsattive.
Può interessarti anche:
Unioni civili un diritto acquisito dopo sollecitazione europea
minori eredità quali sono i tuoi diritti e come esercitarli
EREDITÀ: accetto o non accetto, ecco su cosa devi concentrarti
SUCCESSIONE: cosa si deve fare?
Chiama adesso per prendere contatti e, se ti saremmo piaciuti, staremo al Tuo fianco per risolvere insieme il Tuo problema  055353399 o via chat 3939182114

 

 

 

 

WhatsApp chat