La città alle prese con gli escrementi del cane

Chi ama gli animali lo sa che gli escrementi del cane vanno raccolti. Non si tratta solo di un scelta di buona educazione bensì di un obbligo giuridico sanzionato, che nel suo massimo può costarti da 110,00 fino a 850,00 €. E il sacchettino dove lo butto? Qual è il contenitore giusto? A Firenze, si fa eccezione, si devono mettere nel cassonetto dell’organico!

Regione Toscana: normativa sulle deiezioni del cane

Legge regionale 20 ottobre 2009, n. 59 prevede all’articolo 22
– Norme igieniche
1. Il responsabile [del cane] deve disporre di strumenti idonei alla rimozione delle deiezioni del cane.
2. Il responsabile del cane è tenuto a raccogliere le deiezioni solide degli stessi in tutti gli spazi pubblici. Nel caso di deiezioni all’interno di locali, il responsabile del cane ha l’obbligo di pulire e di risarcire gli eventuali danni.

Regolamento del Comune di Firenze:  raccolta degli escrementi del cane

Il regolamento     (ultima modifica del 2014) prevede
Art. 25 Obbligo di raccolta escrementi:
1. I proprietari, o detentori a qualsiasi titolo, degli animali hanno l’obbligo di raccogliere gli escrementi prodotti dagli stessi sul suolo pubblico, in modo da mantenere o preservare lo stato di igiene e decoro del luogo. L‘inosservanza determina l’applicazione della sanzione da Euro 80,00 ad Euro 500,00 (art. 36 del regolamento).
2. L’obbligo di cui al presente articolo sussiste per qualsiasi area pubblica o di uso pubblico (via, piazza, giardino o altro) dell’intero territorio comunale.
3. I proprietari, o detentori a qualsiasi titolo, degli animali devono disporre di strumenti idonei alla rimozione degli escrementi. L‘inosservanza determina l’applicazione della sanzione  da Euro 30,00 ad Euro 350,00.(art. 36 del regolamento).

Dove butto gli escrementi del cane?

Le feci  sporcano i marciapiedi, le nostre scarpe e le nostre case, uffici, scuole ecc.. inoltre essendo piene di batteri con l’acqua piovana percolano nelle fogne delle acque chiare e inquinano i corsi d’acqua cittadini fino alle falde acquifere. Allora come fare? Negli spazi pubblici dedicati ai cani si possono trovare dei cestini a ciò destinati. Se non ci sono? Ogni Comune ha la sua normativa. Moltissime sono le città che prevedono che vengano messi nell’indifferenziato, in quanto i batteri contaminano il contenuto dell’intero cassonetto.
Firenze invece fa eccezione, si buttano in quei cassonetti che raccolgono l’umido. Lo dice l’ALIA spa.

Alia fa pubblicità

Fai la cosa giusta, usa la busta. E tu cosa fai, fai la differenza”  è lo slogan che accompagna il manifesto dedicato alla raccolta degli escrementi dei cani durante la passeggiata; nella foto, una donna con un cane al guinzaglio, con tanto di sacchettino per non lasciare “ricordini” a terra.
E’ proprio Alia nel suo dizionario dei rifiuti    ad indicare che gli “escrementi di cani” che hanno il simbolo del torsolo di mela vanno gettati nel cassonetto dell’umido.

Grazie di aver letto l’approfondimento

Abbiamo realizzato questo scritto per fornire informazioni utili agli amanti degli animali.
Lo studio legale Bearzotti è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di tutela dei tuoi diritti.
Può interessarti anche:
CANE maltrattamento è anche la mancata cura della malattia
– DISTURBO QUIETE PUBBLICA: se il cane abbaia cosa fare?
– CANE CHE ABBAIA dove finisce il mio diritto e inizia quello del cane
Anagrafe canina, tutto quello che c’è da sapere se vuoi prendere un cane
Gatti in condominio: il regolamento non può vietarli ma il locatore si
Chiama adesso per prendere contatti e, se ti saremmo piaciuti, staremo al Tuo fianco per risolvere   insieme il Tuo problema  055353399 o via chat 3939182114

 

 

error: Il contenuto del sito è protetto da copyright. Contattare l\'avvocata Gemma Bearzotti per autorizzazioni.
WhatsApp chat