Polizia postale e REATI in rete

La Polizia Postale si occupa di reati informatici e telematici introdotti con la legge n. 547 del 1993.
Per sistemi informatici si intende più macchinari assemblati insieme fisicamente atti a scambiarsi dati e informazioni ( es. computer connesso  a un fax  che comunica “dati” ad altri).  Per Telematici si intendere rete di  cervelli elettronici non collegati fisicamente e permanentemente tra di loro, che utilizzano internet (o sistemi simili) per comunicare dati tra di loro .
Sono reati i comportamenti (azioni o omissioni) vietati, che violano una norma penale.
Una volta accertata la violazione consegue l’applicazione di una  pena. Questa può essere : pecuniaria (multa o ammenda)  o  limitativa della libertà (arresto e reclusione).
Tratteremo solo dei reati che possono capitare a tutti noi.

REATI INFORMATICI contro L’inviolabilità del domicilio

Norme contro gli Hackers (persone molto esperte in ambito telematico) e  mirano a tutelare l’integrità e la funzionalità dei sistemi informatici e sono inseriti nei delitti contro l'”inviolabilità del domicilio”.
Puniscono i seguenti comportamenti:
Violazione di sistemi informatici o il procurato malfunzionamento degli stessi (615 ter).
Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici (615 quater).
Detenzione e diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico (i cd virus in rete) 615 quinquies.  Intercettazione, impedimento e interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche  (quanto una persona senza essere autorizzato e di nascosto conosce le nostre comunicazioni).

REATI INFORMATICI contro L’inviolabilità dei SEGRETI, casi pratici FREQUENTI

Art. 617 c.p   punisce chi conosce, interrompe, impedisce illecitamente le comunicazioni o conversazioni telegrafiche telefoniche.
Es: Spio le telefonata di mio figlio minorenne, o di mia moglie, commetto un reato? SI!  (Cassazione  sez penale n. 41192/2014).
Il  617 bis punisce chi istalla apparecchiature dirette a intercettare o impedire comunicazioni o conversazioni telegrafiche telefoniche.
Es:  Fratello che istalla un registratore nelle propria abitazione, di nascosto,  per captare le conversazioni dei familiari, commette reato? SI! Cass. sent. n. 27847/2015.
Mentre il  617 ter Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni o conversazioni telegrafiche telefoniche.
Es. Dal telefono di mia moglie, senza il suo consenso, invio un sms, o cancello i  messaggi che ha ricevuto commetto un reato. 

POLIZIA POSTALE 

In presenza di possibili comportamenti che integrino cd. reati  reati informatici è preferibile rivolgersi alla Polizia Postale. Da qualche tempo è possibile anche procedere a mezzo web: al sito www.commissariatodips.it.
Per maggiori info clicca, su come redigere una denuncia on line

GRAZIE DI AVER LETTO L’ARTICOLO

Lo Studio Legale Bearzotti è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di tutela dei tuoi diritti
Chiama adesso per prendere contatti e, se ti saremmo piaciuti, staremo al Tuo fianco per risolvere insieme il Tuo problema   055353399 o via chat 3939182114

WhatsApp chat