POLIZIA SCIENTIFICA COME FUNZIONA? COSA FA REALMENTE

POLIZIA SCIENTIFICA COME FUNZIONA? COSA FA REALMENTE

POLIZIA SCIENTIFICA

Polizia scientifica fa parte  della Polizia di Stato e svolge attività di supporto alle investigazioni quando servono specifiche competenze tecniche e scientifiche. Come nel campo della biologia, della chimica, della balistica, della dattiloscopia ecc.
Ha la sua sede centrale a Roma che opera su tutto il territorio nazionale, e dei gabinetti regionali e interregionali. Ogni Questura di Provincia  è dotata di un gabinetto provinciale e nelle città molto popolose o ad alto indice di criminalità ci sono dei  “Posti di Segnalamento”.

L’ATTIVITÀ DI POLIZIA SCIENTIFICA IN ITALIA

Se sei abituato a vedere i telefilm americani sappi che in Italia agisce in maniera diversa.
La polizia scientifica che interviene sul posto svolge solamente un’attività di supporto tecnico all’attività investigativa nel suo insieme; è di aiuto per la raccolta e l’analisi scientifica, ma una volta ricavata l’informazione e trasmessa alla squadra investigativa il suo compito è finito.
Ad esempio: trova un’impronta digitale, usa gli strumenti per portarla nei laboratori e attraverso un sistema di banche dati cerca una corrispondenza. Se trova il risultato lo invia alla squadra investigativa e termina il suo compito.

LA SCENA DEL CRIMINE E IL SOPRALLUOGO

Non devi pensare alla scena del crimine solo in riferimento ad un omicidio, ma anche nel caso di un furto in abitazione o in un negozio. La polizia scientifica viene subito allertata dalla pattuglia che arriva per prima sul posto; arrivata  effettua il sopralluogo, cioè la raccolta e l’analisi di tutto ciò che può essere utile per le indagini.

PUOI AIUTARE LA POLIZIA SCIENTIFICA?

Anche tu puoi dare una mano, perché molto importante, come si vede nei film, che la scena resti il più possibile integra. Fino all’arrivo della pattuglia può capitare di tutto e chiunque spinto dalla curiosità può avvicinarsi e inquinare la scena con impronte, tracce e tanto altro. Se ti trovi in questa situazione stai il più lontano possibile , non toccare niente, non raccogliere o spostare nulla, anche se non ti sembra importante.

SCENA DEL CRIMINE

Attenzione, la scena del crimine non è solo il luogo in cui è avvenuto il fatto (scena primaria) ma anche tutti i posti in cui si trovano degli indizi (scena secondaria). Per spiegarti meglio, il cassonetto della spazzatura dietro casa dove vengono trovati i guanti del presunto colpevole è sempre scena del crimine, quindi anche lì devi muoverti con cautela e fare di non tutto per non alterare lo stato delle cose.
ll sopralluogo e la ricostruzione tridimensionale della dinamica dell’evento criminale sono attività molto rilevanti svolte dalla Polizia Scientifica. Come anche l’analisi criminale per individuare il profilo dell’autore dei reati e anche di serial killer.

ANALISI NEI LABORATORI

Tutto ciò che la Polizia Scientifica reperta  viene poi analizzato nei laboratori:
– impronte digitali (che servono per identificare chi era presente)
– tracce biologiche per ricavare il DNA (come sangue, capelli, liquidi corporei), orme, bossoli, vernice, ecc
– documenta  foto-video-audio e disegna identikit ;
– effettua il segnalamento fotodattiloscopico, ovvero la fotografia di fronte e di profilo con il prelevamento delle impronte digitali ai criminali, ai sospettati e agli extra-comunitari che chiedano un permesso di soggiorno;
– indagini grafiche, es sulle banconote, passaporti, certificati, permessi
–  indagini sulle armi, anche la rigenerazione dei numeri di matricole abrase;
–  esame speditivo, qualitativo e quantitativo delle droghe  ;
–  analisi inerenti residui di incendi ed esplosioni;
– indagini di biologia forense per il riconoscimento dei pollini, dei vegetali, e del DNA di animali domestici

LUMINOL

Un’attività svolta dalla Polizia Scientifica che affascina è quella di rilevazione dei liquidi.
Per ogni  tracce c’è un metodo specifico di ricerca, prelievo, conservazione e successivamente di analisi nel laboratorio.
Le luci forensi (LUMINOL) servono per evidenziare elementi che non sono visibili ad occhio nudo, quindi tracce di sangue lavate o impronte digitali. Ci sono vari tipi di luci che hanno potenza e colore diverso e che, a seconda della superficie dove si trova la macchia, permettono di far risaltare la traccia così da poterla prelevare  e analizzare

GRAZIE DI AVER LETTO L’ARTICOLO

La Dott. Alessandra Guerci, collaboratrice dello Studio, ha realizzato questo scritto
Lo studio è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia civile, penale, minorile e di immigrazione.
Chiama adesso per prendere contatti e, se ti saremmo piaciuti, staremo al Tuo fianco per risolvere   insieme il Tuo problema  055353399 o via chat 3939182114

 

 

 

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

WhatsApp chat