TARGA ZOLL

Targa Zoll  (trad. dogana) è una targa provvisoria alfanumerica gialla o rosse (come nell’immagine).
Un veicolo originariamente immatricolato in Germania per giungere in Italia ha bisogno di una targa cd doganale quando viene acquistato da un privato o da un rivenditore di automobili. Ciò grazie ad un accordo di reciprocità del 22.10 1993 sotto riportato.

Funzione della targa Zoll

La targa Zoll serve per il trasferimento dei veicoli (eccetto i BUS) dalla Germania in Italia.
Provvedono a emettere la targa Zoll le agenzie private di disbrigo pratiche auto  (si trovano anche online) che  si occupano :
–  della “radiazione”  con ciò si intende la cancellazione della vettura dal Registro tedesco (il nostro PRA)
–  del rilascio della targa provvisoria provvista di assicurazione RC
–  della consegna dei documenti di circolazione.
I libretti di circolazione,   che vengono rilasciati dall’ufficio della Motorizzazione tedesca sono due: TEIL I  : un libretto piccolo che serve alla circolazione e va tenuto in auto;  TEIL II  : un documento più grande, di contenuto identico al Teil I, che  svolge la funzione del nostro certificato di proprietà.

DURATA DELLA targa Zoll e documenti di circolazione

Targa e documenti sono PROVVISORI e  hanno la stessa validità, da 9 giorni al massimo 12 mesi e sono intestati al nuovo proprietario del veicolo.
La Targa Zoll resta al proprietario, nel senso che non va consegnata ad alcuno, non serve per la nuova immatricolazione, e quindi una volta scaduta non ha nessun valore.  Infatti lo stesso codice alfanumerico potrà essere riutilizzato (dalle agenzie di  disbrigo pratiche auto) per un’altra vettura e con una nuova scadenza.

ACCORDO DI RECIPROCITÀ TRA GERMANIA E ITALIA del 22.10.1993

La circolazione dei veicoli con targa doganale provvisoria è regolata dall’accordo di reciprocità vigente tra Germania e Italia    sottoscritto il 22.10.1993, in vigore dal 01 gennaio 1994. All’art. 2 si legge: “Il Governo della Repubblica Italiana, su base di reciprocità, ammetterà a sua volta alla circolazione sul proprio territorio- per viaggi di prova, collaudo e trasferimento– i veicoli [ex] immatricolati nella Repubblica Federale di Germania, con i numeri di targa rossi in stato di validità, a condizione che:
a) i veicoli siano muniti dei rispettivi documenti di circolazione
b) venga comprovata l’esistenza di un’assicurazione valida per la Repubblica italiana…..”.

CIRCOLARE MINISTERO dei TRASPORTI n. 692/M363 DEL 10.3.2004

A questo accodo bilaterale è seguita la circolare emanata dal Ministero dei Trasporti avente ad oggetto: “riconoscimento reciproco delle targhe prova tra Italia e Germania” in ragione del fatto che la legislazione tedesca, con atto di legislazione interna ha sostituito le targhe “rosse” con targhe “a breve termine” (1.5.1998). La circolare chiarisce che “ deve ritenersi ammessa la circolazione sul territorio italiano, in applicazione dell’accordo [di reciprocità] medesimo, dei veicoli provenienti dalla Germania muniti delle tradizionali “targhe rosse” ovvero delle ”targhe di breve termine”.

GIURISPRUDENZA

La targhe di breve termine sono quindi le targhe finalizzate all’arrivo del mezzo in Italia. La vettura, munita di detta targa, può circolare per viaggi di prova, collaudo e trasferimento per tutta la durata della validità della targa, che come detto, è coincidente con il permesso di circolare e non supera mai per durata l’anno solare. Quanto detto trova pacifica applicazione in ambito giurisprudenziale come confermato anche da recente Cassazione civile sentenza n. 24008 del 12.10 2017

MODIFICHE al CdS  ART. 93 COMMA 1 BIS

L’articolo 93  (modificato dal 1.1.2019)  leggi  disciplina la circolazione delle automobili con targhe straniera.
L`art. 93 comma 1 bis stabilisce che:  “Salvo quanto previsto dal comma 1-ter, e’ vietato, a chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre sessanta giorni,  circolare con un veicolo immatricolato all’estero.”
Questa previsione si applica alla targa Zoll?
Può l’organo accentratore elevare una contravvenzione ex art. 93 co.1 bis con relativa sanzione, di cui al comma 7 bis del CDS,  a colui che conduce un veicolo con targa Zoll valida? Secondo noi NO,  non lo può fare. E in tal senso la Prefettura di Firenze il 5.3.2019 si è espressa accogliendo il nostro ricorso 

Art. 93 co.1 bis NON Si applica alla targa Zoll

Ciò per due ragioni:
1)  la previsione di cui all’art. 93  è riferita unicamente alle autovetture immatricolate all’estero.
Nel caso di una targa Zoll – vedi paragrafo 2-  il mezzo non è più immatricolato all’estero, in quanto radiato; diversamente non potrebbe avere la targa provvisoria e di libretto di circolazione provvisorio (ma avrebbe l`originale);
2) L’entrata in vigore della nuova disciplina codicistica non fa venire meno l’accordo bilaterale esistente tra Germania e Italia (sopra riportato).

ILLEGITTIMO IL RITIRO DEL LIBRETTO EX 93 c.1. bis

  1. Pertanto deve ritenersi illegittimo elevare una contravvenzione, con conseguente ritiro del libretto di circolazione,  quando il veicolo è munito di targa Zoll in corso di validità.
  2. Deve anche riferirsi che ad oggi, febbraio 2019, sia la Polizia Stradale che le forze di Polizia di frontiera, NON applicano l`93 co.1 Bis ai mezzi con targhe doganali; ma la Polizia Municipale  sì,  almeno a Firenze.
    Difficilmente riuscirete a convincerli delle vostre buone ragioni con una richiesta in autotutela, cioè andando a trattare con loro, dopo che vi hanno fatto la multa!
  3. Pertanto non resta che  presentare ricorso al Prefetto, entro 60 giorni dalla multa o al Giudice di Pace entro 30; in entrambi i casi  NON si deve pagare la multa perché ciò IMPEDISCE la proposizione di un valido ricorso!

CONFERMA nella circolare esplicativa del min. interni n.113/2018

Quanto detto trova conferma nelle Circolare indicata  che  alla pagina 15 prevede espressamente al paragrafo 2: CONCORSO CO NORME DOGANALI e al punto 2.3 specifica” in caso di concorso …le norme doganali, hanno sempre preminenza rispetto a quelle del codice della strada…” 

GRAZIE DI AVER LETTO L’ARTICOLO

Qui trovate tutto ciò che vi serve – dal significato della targa doganale, alla sua funzione,  ai  riferimenti normativi. Chiama adesso per prendere contatti e, se ti saremmo piaciuti, staremo al Tuo fianco per risolvere  insieme il Tuo problema  055353399 o via chat 3939182114

 

WhatsApp chat