Università e Istituzioni AFAM e covid-19

Anche per le Università e Istituzioni AFAM il decreto approvato il 6 giugno 2020 riverbera effetti.  Sappiamo che, causa dell’emergenza coronavirus il Governo, con  il  DPCM 26 aprile 2020 ha confermato le misure già adottate il 20 aprile 2020 con riferimento alla scuola.
Facciamo delle novità, anche per le AFAM,  per  ciò che riguarda la didattica al tempo del covid-19, l’eventuale recupero di lezioni ed esami e la  prova finale; spendo già che la normativa è in continua evoluzione.

Istituzioni AFAM

La L. 508/1999 (art. 2) ha disposto che costituiscono il sistema di Istituzioni AFAM:
– Accademie delle belle arti, di arte drammatica e di danza;
– Conservatori di musica;
– Istituti Superiori di Studi Musicali;
– Istituti superiori per le industrie artistiche (ISIA)
Istituzioni autorizzate a rilasciare titoli di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (art.11 DPR 8.7.2005, n.212)
Indicazioni operative nuove istituzioni non statali (art. 11 DPR 212/2005).

Scuole 1^ e 2? grado: Valutazione finale e recupero apprendimenti Ordinanza 26.5.20202

Orami siamo al termine  dell’anno scolastico e ricorderete che il Decreto del 26.4.2020 all’Art. 1 lett. k) ha previsto ” sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia di cui all’art. 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica”.
In maniera molto frammentaria è stata svolta la didattica a distanza. Le competenze raggiunte dalle studentesse e dagli studenti (sufficienti o insufficienti) resteranno tali fino alla ripresa dal 1 settembre.
Nell’Ordinanza, del 16.45.2020, sono indicati i criteri adottati per la valutazione finale degli alunni (AS 2019/2020)  prime disposizioni per il recupero degli apprendimenti. 

Università e AFAM:  Recupero attività o prove e verifiche

Il DPCM  prevede all’art. 1 lett O) “..le Università e le Istituzioni assicurano, laddove ritenuto necessario e in ogni caso individuandone le relative modalità, il recupero delle attività formative, nonché di quelle curriculari, ovvero di ogni altra prova o verifica, anche intermedia, che risultino funzionali al completamento del percorso didattico; le assenze maturate dagli studenti di cui alla presente lettera non sono computate ai fini della eventuale ammissione ad esami finali nonché ai fini delle relative valutazioni”. Quindi secondo il decreto sarà possibile recuperare lezioni o verifiche, ma devono essere comunque funzionali al completamento del percorso didattico. Quindi spetterà sempre al docente stabilire se gli studenti hanno o meno raggiunto la preparazione necessaria per superare gli esami, quindi anche recuperi.

Università e AFAM gli esami

Con il DPCM del 26.4.2020 si prevede
art. 1 lettera N:  nelle Università, nelle Istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e negli enti pubblici di ricerca possono essere svolti esami, tirocini, attività di ricerca e di laboratorio sperimentale e/o didattico ed esercitazioni, a condizione che vi sia un’organizzazione degli spazi e del lavoro tale da ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione e che vengano adottate misure organizzative di prevenzione e protezione.
Quindi si potrà richiedere e sollecitare i Rettori in tal senso.  E’ indispensabile che ogni facoltà si organizzi per permettere lo svolgimento degli esami. Come? Adoperandosi affinché l’organizzazione degli spazi e del lavoro sia tale da ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione, adottando misure organizzative di prevenzione e protezione.
Mascherine, ove possibile per la prova d’esame richiesta, distanza sociale in locali ampi e ben areati.

Cosa fare se perdo un anno di appelli?

Università e Istituzioni AFAM devono ASSICURARE, quindi hanno un obbligo e non una facoltà, agli studenti il recupero degli esami non dati a causa della chiusura dei locali. Pertanto si può PRETENDERE che il Rettore (quale responsabile legale di ogni sede)  stabilisca un piano di recupero degli esami  OVE, in relazione degli spazi, sia POSSIBILE farlo.
E ove gli spazi della scuola non lo consentano?  Individuare spazi alternativi: palestre, giardini, parchi ecc.  Ciò per ridurre al massimo il rischio di prossimità e di aggregazione, adottando misure organizzative di prevenzione e protezione.

Rettore è responsabile di mancata erogazione del servizio?

Si può ipotizzare una  responsabilità per mancata erogazione della contro-prestazione a fronte del pagamento delle tasse universitarie? 
Il Rettore dovrà dare conto di aver verificato se gli spazi, di cui l’Istituzione dispone, siano fruibili per la possibilità di svolgere  ad esempio gli esami, con le cautele dovute. Diversamente dovrà  dimostrare di essersi adoperato per permettere lo svolgimento in modalità alternativa.
Come? Ad esempio prevedendo esami all’aperto, esami on line.
Per cui genitori e alunni potete attivarvi – meglio se con un legale – per sollecitare il Rettore a fornire risposte: sul piano di recupero della didattica, sull’effettuazione delle prove di esame. E, qualora si palesassero degli ingiustificati ritardi o l’inerzia, si può pensare di costituirlo in mora. Anche di chiedere il risarcimento dei danni per mancanza delle controprestazione, a fronte del pagamento delle tasse universitarie, o del ritardo nel conseguimento del diploma di laurea.

Tre decreti del 16.5.2020 sulle prove finali del 1 e 2 ciclo scolastico

Ricordiamo che l’ultima sessione delle prove finali, per gli studenti delle Università e delle Istituzioni AFAM, per il conseguimento del titolo di studio (anno accademico 2018/2019) è prorogata al 15 giugno 2020. Di conseguenza sono prorogate anche le ulteriori scadenze didattiche o amministrative funzionali allo svolgimento di tali prove (DL 18/20 art. 101 comma 1).
Quanto alle prove di Stato sono organizzate con specifiche modalità:
-Ordinanza concernente gli esami di Stato nel primo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020
– Ordinanza esami di Stato nel secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020

Grazie di aver letto l’approfondimento

Abbiamo realizzato questo scritto per fornire informazioni ai genitori e alle studentesse e gli studenti delle Università e degli Istituti AFAM.
Lo studio legale Bearzotti è aperto, ed a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di tutela dei tuoi diritti.
Può interessarti anche:
Scuola misure per l’emergenza DL 22 del 8.4.2020
Spostamenti consentiti per assistere anziani e disabili Covid-19
Droni e controllo degli spostamenti quale pericolo per la libertà?
Divieto di spostamento e la sua violazione
Canone locazione studenti fuori sede col Covid-19, chi lo paga?
Rientro in Italia dall’estero, tutti i passaggi, al tempo Codiv-19
Diritto di vista in pandemia, restrizioni e divieti, cosa fare?
Vacanza annullata: voucher o rimborso? Ecco cosa puoi fare
Chiamaci e vediamo come poter risolvere insieme il Tuo problema  055353399 o via chat 3939182114

WhatsApp chat