VACANZA truffe e inganni, ecco a cosa devi fare attenzione

VACANZA truffe e inganni, ecco a cosa devi fare attenzione

vacanza

Vacanza a cosa devo prestare attenzione?
Il tempo delle vacanze è un periodo che ha un gran rilievo: serve a rigenerarsi, riposarsi, scoprire cose nuove. E’ un’esperienza per tutti noi irripetibile che abbiamo diritto a godere al 100%; non solo per i denari investiti ma per l’aspettativa di vivere un’esperienza unica, qualunque essa sia.
Differenziamo il “pacchetto vacanza” , offerta da un tour operator, e il viaggio “fai da te”.

tour operator

Parliamo di un viaggio interamente organizzato da un operatore del turismo.
Sia che si tratti di contratti sottoscritti presso un’agenzia, sia che l’accettazione sia avvenuta a mezzo internet, le cose non cambiano.   Nel momento in cui scegliamo questo tipo di vacanza aderiamo a un contratto turistico.
Ci facilitiamo la vita perché  il nostro compito si riduce solo a pagare la prestazione pattuita e, per il resto, non dovremmo occuparci di nulla, se si stratta di un offerta all inclusive.
Vale la pena ricordare che il contratto ha forza di legge tra le parti. Cioè nel momento in cui sottoscriviamo una pattuizione  (un contratto) le sue regole hanno forza vincolante tra chi le ha redatte e chi sottoscrive.

PACCHETTI TURISTICI A COSA DEVO fare ATTENZIONE?

La normativa prevede che il contratto abbia termini chiari e precisi; se così non fosse  prevarrà – in caso di contestazione –  l’interpretazione più favorevole al consumatore. Deve essere indicato il servizio offerto (nel dettaglio) il prezzo del pacchetto e della caparra da versare all’atto della prenotazione, con indicata la data del  saldo.
E’ recentissima la normativa sui pacchetti: il Decreto legislativo  del 21 maggio 2018 n.62 emanato in  attuazione della direttiva (UE) 2015/2302.

consiglio pratico sul pre-vacanza: come scegliere l’operatore

1) In primo luogo fare una verifica del professionista che offre la vacanza. Basta  digitare il nominativo/sigla su di un motore  di ricerca.  Le persone che sono rimaste “scottate” hanno piacere di dirlo a tutti: perché non confluiscano altri denari a chi non si è comportato bene;   per  evitare ad altri una sfortunata vacanza.
2) cercare di sapere se, ciò che vi interessa sia compreso nel prezzo es: tutti i pasti, le bevande, gli spostamenti, le gite in loco ecc. Ciò che non è compreso deve essere ben specificato.
3) informarsi sulla compagnia di assicurazione e verificatela su internet: cosa scrivono di lei;
4) farsi dare la copia del contratto (è obbligatorio)  e  PREFERIBILMENTE avere del tempo per leggerlo con calma a casa. In questo modo potete fare maggiore attenzione e segnalare tutto ciò che non è chiaro, per richiederlo in un secondo incontro.
Prima della sottoscrizione è VOSTRO DIRITTO ottenere spiegazioni, chiarimenti e anche aggiunte a mano.
Insomma tutti sono interessati ai vostri soldi ma devono garantirvi che, i servizi da voi richiesti, ci siano tutti!

NORMATIVA di riferimento: EUROPEA E nazionale

Proprio perché non è  possibile per il singolo competere con il  tour operator sono state  emanante delle normativa nazionali e sovranazionali a tutela dei viaggiatori.
EUROPEA : Direttiva UE n. 90/314 sui pacchetti turistici,  Convenzione di Montreal , il Regolamento comunitario n. 889/2002 e il Regolamento comunitario sul trasporto aereo  n. 261/2004, direttiva 2008/122/CE, che riguarda le multiproprietà e le vacanze di lungo termine.
NAZIONALE: Codice del consumo e codice del turismo. Di questi giorni: il  D.Lgs. 21 maggio 2018, n. 62   in  attuazione della direttiva (UE) 2015/2302 relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati.

codice del turismo

Questa normativa, che era nata per dare una disciplina unitaria alla materia,  è stata ridimensionata dalla Corte Costituzionale che ha abrogato (eliminato) vari articoli (sentenza. n.80 del 2012) per eccesso di delega. In pratica, il Codice, travalicava  il suo ambito,  invadendo quello di competenza delle Regioni.
Sono ancora in vigore le norme che disciplinano in modo organico (articoli da 32 a 51) i  pacchetti turistici e la tutela del consumatore turista, la “Carta dei servizi turistici pubblici” e la composizione (mediazione) delle controversie in materia di turismo. Inutile dilungarsi su questi argomenti, a meno che non  siate dei giuristi.      Se avete la sfortuna di incappare in un viaggio organizzato con “vacanza rovinata” è bene rivolgersi a un legale o a un’associazione di consumatori.

TURISMO FAI DA TE

Siamo liberi di scegliere come organizzare il nostro viaggio. Possiamo servirci di una guida del Paese e, sulle base delle indicazioni che troviamo, organizzare il nostro personale programma. Questa scelta  ci mette al riparo dalle inefficienze del Tour operator.  Infatti, se l’albergo prescelto non ci aggrada, passiamo cambiarlo;  del pari possiamo modificare, a seconda delle condizioni climatiche o degli amici che abbiamo incontrato lungo il viaggio,  i luoghi da visitare. I rischi sono limitati e facilmente ovviabili.
Se invece non vogliamo fare un viaggio ma una vacanza stanziale, ad esempio ci serve un alloggio per un periodo di tempo determinato,  dobbiamo fare  attenzione a cosa ci viene offerto.

Piccolo vademecum per una vacanza stanziale (a+b)

Il consiglio è chiarirsi bene le idee, prima di cercare l’offerta;  e, oltre a determinare il periodo e i posti letto, dobbiamo decidere i servizi: cioè cosa vogliamo che sia presente nella dimora – e scriverlo! Ad es.: tv lavatrice, lavastoviglie, microonde, corredi, parcheggio, spazio all’aperto, distanza dal paese, dal supermercato, dal mare ecc..
Poi, prendere contatti, anche a mezzo telefono, con coloro che offrono ciò che cerchiamo.

     a) METTERE TUTTO PER ISCRITTO

Trovato un accordo  bisogna scriversi, anche a mezzo mail,  elencando tutto ciò che vi siete detti  (periodo, prezzo, posti letto ecc)  e specificare  tutti i confort a cui non volete rinunciare.
La risposta deve giungervi sempre per iscritto  e deve essere soddisfacente, cioè deve confermare che il servizio offerto corrisponde a quanto da voi richiesto.
Fare tutto per iscritto (domanda e risposta) vi garantirà in  caso di contestazione.
Se invece vi limitate a un contatto orale non potrete contestare nulla o comunque sarà tutto molto più difficile, se non impossibile.

      B) pagamento solo tracciabile

SOLO dopo essersi scritti si può procederete a versare una caparra, di solito il 20-30% dell’intero.
Lo farete  con sistemi di pagamento tracciabili; non vorrete mica risparmiare sul  costo del bonifico o del PayPall commerciale! NO DI CERTO!
Questo è importantissimo: No alle ricariche telefoniche, NO alle ricariche delle carte a debito, NO I CONTANTI, e se richiedono  che il pagamento avvenga  con un metodo che non vi convince  NON PAGATE. Cercate un’altra opzione.
La serietà dell’offerente si vede al momento del pagamento.

GRAZIE DI AVER LETTO L’ARTICOLO

Abbiamo realizzato questo scritto per informarti sui tuoi diritti anche in vacanza.
Lo studio è a tua disposizione per fornire ogni consulenza in materia di risarcimento danni da vacanza rovinata.
Chiama adesso per prendere contatti e, se ti saremmo piaciuti, staremo al Tuo fianco per risolvere   insieme il Tuo problema  055353399 o via chat 3939182114

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

WhatsApp chat